mercoledì 11 ottobre 2006

Quando qualcosa sta troppo stretto

(Sogno del 4/10)

Sono a bordo di una piccola utilitaria e devo posteggiare lungo una fila di macchine.
Mi affianco, metto la retromarcia, sterzo, controsterzo...Forse lo spazio non è sufficiente per farci stare la mia.
Provo. Mi appoggio alla macchina di dietro. Spingo un po'. Ora in avanti, una spintarella.
Non basta. Bisogna essere più decisi. Un colpo dietro e uno davanti, poi nuovamente crok, crak. Non c'è niente da fare, e in più sono incastrato. Ora me ne vado: ancora un srkak, skrisc e faccio inversione.
"Meglio che mi fate fare qualcos'altro!"
Infatti mi ritrovo in una chiesa. Affollata, troppo affollata; tutti in piedi, così si fa perfino fatica a respirare. Sgomito a destra e a sinistra per farmi un po' largo, inoltre io non sono molto alto, sono circondato da teste e schiene, poi vedo delle sedie accatastate; le raggiungo ne scelgo una, la assesto proprio lì dove la folla si accalca e faccio per sedermi. Vedo accanto a me Mariateresa e allora faccio sedere lei.
Quando qualcosa ti sta troppo stretto devi riuscire a dargli spazio; non è necessariamente questione di conquista di "territtorio", potrebbe essere, per esempio, dare spazio alla propria creatività. La creatività è una forza che può esprimersi in modi diversi anche se non si è "artisti".
Può essere un'attività lavorativa, il volontariato, un hobby, un blog.
Posta un commento