sabato 23 dicembre 2006

I Pacchi

(Sogno del 20/12)

Il sogno che racconto propone uno strano quesito.

Sono con Mariateresa ed usciamo da un negozio con tantissimi sacchetti (chissa se sono i regali di Natale...), la macchina si trova posteggiata un po' lontano, in una strada che si raggiunge tramite una ripida scalinata.
Cosa è meglio fare: un viaggio unico caricandosi con tutto il notevole peso dei pacchi in una sola volta, come vorrebbe fare Mariateresa, o fare due viaggi affrontando due volte la scalinata, come preferirei io?

Il sogno, nel mio ricordo, finisce così, nella sospensione.

Considerando che il peso del trasporto lo devo sostenere io, è giusto che la scelta sia tutta mia. La decisione giusta mi sembra proprio quella di fare due viaggi.
Ma una volta no, non avrei seguito questo ragionamento; la mia filosofia sarebbe stata quella di ottenere tutto e subito,
a qualsiasi costo personale. "Ce la Devo fare!" mi sarei detto, e avrei superato la mia capacità massima di sforzo arrivando in cima con gli occhi fuori dalle orbite, i muscoli delle braccia insensibili per la fatica e la schiena a pezzi.
La seconda soluzione, richiede più tempo, ma non costringe a dover superare ad ogni costo i propri limiti. La salita due volte? E vero, ma basta prenderla con il ritmo giusto.

Sembrava un sogno insignificante, invece mi rendo conto che c'è un chiaro messaggio del mio inconscio: rispetta i tuoi limiti, quella è la strada per arrivare fin dove desideri.
Poi per quanto riguarda la presenza femminile che mi suggerisce una soluzione più performante, da primo della classe, non mi è difficile ricondurla alle origini..
Posta un commento