giovedì 15 marzo 2007

Foto speciale

Forse il fotografo aveva fretta, forse era distratto e quando ha premuto il pulsante dello scatto non tutta la comitiva era raggruppata, qualcuno era ancora nelle retrovie a chiacchierare, qualcuno cercava di recuperare il figlio scappato per rincorrere un pallone; di fatto mancavano varie persone.
In questi casi pazientemente si aspetta, si sollecita, si spera che il gruppo presente non si scompatti, si scatta di nuovo e poi una volta ancora.
Ma alla fine la foto è fatta: chi c'è c'è, chi non c'è non c'è.
O no?
Se la scena fa parte di un sogno...
In questo caso, anche la carta su cui si stampa potrebbe essere veramente "speciale" e avere la proprietà di far comparire i ritardatari man mano che arrivano.

Come se il loro posto fosse lì, stabilito e conservato da sempre, perché parte di un progetto che attende la loro adesione.
La carta-speciale aspetta che ognuno abbia tempo di colmare il vuoto, quello spazio, altrimenti incomprensibile, che ad ognuno compete accanto agli altri.

Poi quando tutti sono "al meglio", la carta si spegne e fissa per sempre il quadro.
(Sogno 11/3)

Forse sono le Magie di chi ama.
Posta un commento