venerdì 28 dicembre 2007

Genesis, revelations (2)

Ecco le prime impressioni ricavate dalla lettura di Genesis Revelations, anche se è ancora "in progress".

- La prima considerazione è sul prezzo: quaranta-nove Euro sono veramente troppi.
- Bellissime foto, e non mi riferisco solo a quelle scattate durante gli spettacoli dove fasci di luci colorate spiccano sullo sfondo scuro e neppure a quelle famosissime che fissano i personaggi scenici impersonati da Peter. Le foto bellissime sono quelle in bianco e nero che ritraggono dei bravi ragazzi intensamente applicati a strimpellare sui loro strumenti con passione e ingenuità e con pochi mezzi.
- Veramente avvincente il racconto che procede in parallelo dando voce ai vari protagonisti. Ne viene fuori un caleidoscopio di informazioni che lascia al lettore la possibilità di cogliere diverse prospettive.
- Interessante scoprire attraverso le parole dei compositori come è avventa la nascita di alcuni pezzi famosissimi come Stagnation, The knife, The musical box, Supper's ready, Apocalypse 9/8...

Alcune frasi mi sembrano da incorniciare:

Peter Gabriel: Molti musicisti amano suonare, più che comporre, vivono la scrittura come qualcosa che si deve fare per arrivare al prossimo assolo. Per noi, invece, comporre era il fulcro dell'attività.

Antony Philipps: Fu fantastico potersi dimenticare della sequenza strofa, ritornello, strofa, ritornello. E' una soluzione che ha le sue virtù, ma può essere limitante, soprattutto nella musica strumentale. La nostra creatività era finalmente libera, ci sentivamo addosso una carica straordinaria.

Peter Gabriel: ...facevamo buona musica e avevamo la sensazione di essere entrati in territori inesplorati.

Peter Gabriel: Quando ottenemmo un colloquio....ascoltò la registrazione, sorrise e disse: "Bene ragazzi. Qualunque cosa stiate facendo, continuate, ma non datevi alla musica, perché non ce la farete mai".

Antony Philipps: Tenemmo uno spettacolo al nord, dove c'era più gente sul palco che fra il pubblico. Ci consigliarono di smettere.





Posta un commento