domenica 25 maggio 2008

Nella stessa barca

Il Card. Martini ha incontrato un gruppo di malati che come lui devono convivere con il morbo di Parkinson.
Gli hanno chiesto: "Come si vive la malattia da credenti?"
E lui ha risposto: "Nello stesso modo in cui la vive chi non crede, non c'è differenza. L'importante è affrontare la vita con ottimismo. Si tratta di trovare il lato positivo anche nella malattia.

Avrebbe potuto dire tante cose interessanti, ma questa è veramente speciale, non perchè richiama un atteggiamento positivo nei confronti della vita, ma perchè una volta di più mette in risalto che di fronte al valore della vita, essere credente e non credente non deve essere fonte di divisione, siamo nella stessa barca.
Posta un commento