mercoledì 5 novembre 2008

Un altro giro di giostra

In questo libro che leggo subito dopo "Un indovino mi disse", Terzani indaga, più per se stesso che per i suoi lettori, il tema della malattia e delle medicine alternative.

...concentrarsi sul respiro, portare la mente al dolore, immaginare il male come un nodo da sciogliere, cercare di vederne il colore, la forma...

...Una volta una suora, vedendomi seduto sui talloni ad occhi chiusi, venne a chiedermi cosa facevo. Più o meno quello che per secoli si insegnava anche ad una come lei, lo si chiamava contemplazione.

Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra
Posta un commento