domenica 8 febbraio 2009

Vivere la vita: qui, ora

Chi non ricorda il film Matrix? Gli uomini, ridotti in schiavitù, vivono nella loro mente una vita virtuale credendola quella reale.
In realtà il loro corpo è fermo, inchiodato all'immobilità. Le loro percezioni sono illusioni create dentro la mente.

Un incubo vero?
Eppure senza andare a scomodare la fantascienza è qualcosa che può capitare tutti i giorni.
Ci sono persone, ed io fra quelle, che tendono a vivere la vita nella propria testa.
E' un continuo correre nel passato a quello che avrebbe potuto essere se...
e un altrettanto forsennato balzo nel futuro anticipando quello che potrebbe succedere se...

Esistono semplici esercizi - spesso di origine orientale - per aumentare la consapevolezza dei propri sensi:
esercitarsi a percepire il caldo e il freddo,il calore, il contatto di un tessuto, concentrarsi su una piccola zona del proprio corpo e indagare le sensazioni che emana.
Lo chiamano vivere l'attimo presente, ma è qualcosa ancora di più: e' essere nel presente consapevoli del proprio corpo immerso in uno spazio che con il suo volume interagisce con altre cose ed altre persone.
E proprio la differenza fra vivere la vita nella propria testa o viverla attraverso il proprio corpo.
Il metodo migliore per mettersi in contatto con il presente è uscire dalla testa e rientrare nei sensi.
Qui ora.
Posta un commento