giovedì 5 aprile 2012

Only for progressive rock fans: Thick As a Brick 2


1972: i Jethro Tull pubblicano "Thick As A Brick", il disco più Progressive-Rock della band. Un'unico brano con la storia di Gerald Bostock poeta-bambino.
Che ne è stato di lui?


2012: Ian Anderson ci racconta 


"i possibili diversi percorsi che il giovane e precoce studente Gerald Bostock avrebbe potuto intraprendere nel corso degli anni e la  reazione degli alter-ego le cui identità, nelle sezioni di brani loro dedicate, illustrano le svolte potenzialmente infinite, gli scherzi del destino e le opportunità. Ma questo non vale solo per Gerald, è piuttosto la dimostrazione di come anche le nostre vite si sviluppano, cambiano direzione e alla fine si chiudono grazie a incontri casuali e ad episodi, per quanto piccoli e insignificanti sembrino sul momento. Nello sviluppo dell'opera, i bivi di cui le trade della vita sono costellate, alla fine lasciano spazio a un'attrazione quasi gravitazionale che ci porta a convergere in un finale forse pre-ordinato, una sorta di destino. Quando noi, figli del baby-boom, riguardiamo le nostre vite, finiamo spesso per  pensare a quella volta in cui “se fosse andata così”... Potremmo anche noi, come Gerald, essere diventati un prete, un soldato, uno sbandato, un negoziante o un magnate della finanza? E i più giovani, la generazione dei social media e di internet, potranno scegliere di valutare bene tra la miriade di possibilità che incroceranno in ogni momento...Strano tipo, la vita...Ian Anderson  Gennaio 2012 "


Thick as a Brick Live in 2012Per quelli della mia età vale la pena di ascoltare prima di dare un giudizio.


Gli spezzoni dei brani che si possono ascoltare dal sito riportano alle stesse atmosfere del primo Thick As A Brick e talvolta ne riprendono i refrain (esempio 1 - esempio 2).


Nel sito altre interessanti notizie.
Posta un commento