domenica 13 gennaio 2013

Amare è pericoloso

Sull'essere vulnerabili ho scritto qualcosa in  un mio  post del 2005 prendendo spunto da una pagina di  da "La rana nel pozzo" di Carlos G. Valles.

Ci ritorno oggi con questa trascrizione di un intervento Padre  Timothy Radcliffe già Maestro Generale dei domenicani, alle «Giornate nazionali di pastorale giovanile vocazionale» della Conferenza dei religiosi spagnoli, a Madrid (8-1010/2004)


Amare è pericoloso!

Aprirsi all'amore è molto pericoloso. Uno, probabilmente, si fa male. ..Avrà bisogno della grazia per evitare il pericolo, ma non aprirsi all'amore è ancora più pericoloso, è mortale. Ascoltate C. S. Lewis: «Amare è in ogni caso essere vulnerabili. Ama qualcosa e il tuo  cuore certamente sarà diviso  e rotto. Se vuoi essere sicuro  di mantenerlo intatto, non  darlo  a nessuno, neppure ad  un  animale. Avvolgilo  attentamente in hobbies e piccoli lussi; evita ogni coinvolgimento amoroso; chiudilo al sicuro nell'urna o  nella bara del tuo  egoismo. Ma nell'urna - sicura, oscura, immobile, senza aria - cambierà. Non  si romperà; diventerà infrangibile, impenetrabile, irrimediabile. L’alternativa alla tragedia, o  almeno al rischio  della tragedia, è la condanna. L’unico luogo, a parte il cielo, dove può  essere perfettamente salvo  da tutti i pericoli e perturbazioni dell’amore è l’inferno» (The Four Loves, London 1960, p 111).

Quando riconosco in me il tentativo di essere invulnerabile, di oppormi irrigidendomi a chi esprime sensibilità diverse dalla mia, allora scatta un campanello di allarme; è tempo di fermarsi e scrutare le intenzioni senza veli

......La consapevolezza di poter essere ferito mi unisce ai miei fratelli e alle mie sorelle nel comune bisogno.

Posta un commento