giovedì 7 marzo 2013

Ogni giorno ha il suo colore e sapore

Oddio e ora come giustifico questo titolo del post? 
Forse parlando della realtà intima delle strutture sub-atomiche come i quark o le stringhe? Forse con qualche visione psicologica comportamentale? 

Forse...

Il primo giorno

ha il colore cobalto del cielo
e il sapore del formaggio filante della polenta concia

Il secondo giorno

ha il colore verde del bosco, mentre si fatica in salita

e il sapore nascosto dietro un sorriso biricchino (il filmato da cui è stata tratta la foto è inascoltabile perché  Maria Teresa era scatenata nei peggiori "ceti" (pettegolezzi) immaginabili....

il terzo giorno

il colore  rossetto delle lavanderine (assolutamente poco credibili)

e il sapore di una colazione con uovo sodo e mirtillo (chiedere a Pietro)

 il quarto giorno


ha il colore dell' argento mentre cade la neve e stai per affrontare 10 Km di pista 
e il sapore dello speck-e-non-solo degli gnocchi valdostani (al Km 6 della pista)

...Budget esaurito, tornati  a casa! Alla prossima vacanza a Courmayeur per ulteriori colori e sapori
Posta un commento