lunedì 9 settembre 2013

Storia di una tenda a perline

Tutte le cose hanno una storia.

Quella che vi propongo è la storia di una tenda da porta che nella sua vecchiaia ha vissuto giorni di vera felicità.
Quando fu adottata era la primavera del 2007. Maria Teresa ed io la scovammo in un negozio di Albisola e senza sapere niente del suo passato ci innamorammo di lei.
Quando la sistemammo nell'ingresso della casa di campagna di Torrazza, sembrava essere nata proprio per stare lì. Accarezzata dalla brezza rispondeva  con un dolce tintinnio sonoro delle sue perline. Illuminata dal sole occhieggiava un po' civettuola con i suoi splendenti riflessi verdi e bianchi.
Quante cure e attenzioni in quell'anno di grazia!
"Attenti, raccogliamola tutta da un lato che sta per arrivare una tempesta". "Attenti quando l'attraversate che rischiate di strappare un filamento"...
Quando giunse Settembre la sfilammo dalla sua sede e la adagiammo delicatamente sul sofà in attesa di ritornare la successiva stagione estiva.

Poi inevitabilmente il primo strappo e poi il secondo e poi dal terzo in su si smette di contarli e lamentarsi. Quindi un inverno trascorso all'aperto esposta al freddo e al vento e la brillantezza cominciò a perdersi...









Insomma sapete come va con le "cose", niente era cambiato ma tutto era cambiato. Per la verità a suggellare il mai mancato affetto anche la scelta di utilizzare la sua immagine come sfondo di questo blog, un evidente segno d'amore, vi pare?
Però intanto fra noi si vociferava sulla sua prossima sostituzione... prima o poi.
Poi arriva questo fine settimana. 
Mamma Marianna e il piccolo Pau per la prima volta a Torrazza! 
Quanti ricordi dei nostri tre bimbi cresciuti su quel prato, attorno a quegli alberi da frutto, all'abete ormai alto come la casa...



Quando ho scaricato le foto che ho scattato a raffica mi sono reso conto che c'era una discreta e costante presenza di sfondo a tutto quello che facevamo: la tenda.

E allora mi sono reso conto che aveva una luce nuova quel suo stare lì.
Era merito della presenza dello scatenato Pau che la attraversava correndo e sfidando i gradini o che se la faceva scorrere sopra i suoi riccioli biondi o che la tirava come una campana. Lei stava ora aperta ora chiusa, sempre per creare nuovi giochi di luce.
Le perline ormai un po' scolorite? Ma quando mai! Per tre giorni si sono rigenerate pur di attirare quelle manine di bimbo. 
Vita nuova!
Com'è tenera la nostra vecchia e cara tenda della porta, della casa di campagna, di Torrazza.
Grazie tenda.





Posta un commento