sabato 5 ottobre 2013

London vs Dublin

Certo che fare il turista al termine di intense giornate di lavoro non è il metodo migliore per conoscere i posti e tanto meno di fare turismo.
Però è anche vero che andare a zonzo in centro senza l'assillo di un programma di visite da rispettare, permette di stare in contatto con il "clima" della città.
Questa volta due soggiorni ravvicinati a Londra e Dublino hanno fatto l'effetto di lasciarmi il ricordo di una Londra troppo impersonale nella sua variopinta multi-etnicità. Tanti impiegati che tornavano a casa, tutti di corsa, tutti a testa alta, in quella tipica posa di chi cammina "sopra le righe" e l'espressione che è la maschera delle persone in carriera (o presunte tali)...

Dublino invece, pur non avendo il luccichio di Londra, l'ho trovata molto vivibile, piena di giovani, con persone che ancora si fermano per strada per chiederti se ti serve una mano per orientarti.
Certo bisogna scordarsi le serate italiane (e soprattutto romane) dove puoi trovare un tavolo al ristorante anche alle undici di sera; massimo entro le nove devi avere i piedi sotto il tavolo, altrimenti lo stomaco lo riempi solo di birra....

Gogarty in Temple Street. Piano terra: birra musica celtica; primo piano: birra e musica country; secondo piano: ristorante (stufato irlandese)

"Temple bar" dà il nome alla via. Passeggiare di notte nella strada con la musica dal vivo che ti raggiunge è elettrizzante...

L'arpa è uno dei simboli dell'Irlanda. Questo ponte girevole vuole riprendere l'idea.

Alla luce del giorno i portoncini di Merrion Square sono bellissimi, lo sono anche di notte ma la foto non rende giustizia.

The Celt è un pub con musica dal vivo tutte le sere. Meno turistico ma più vicino alla cultura irlandese.

Qui a Grafton Street si fanno gli acquisti. Belli i palazzi e bella l'atmosfera, ma i colleghi di Dublino dicono che le stesse cose si trovano in negozi oltre il fiume, a metà prezzo.


Molly Malone (Cockles and Mussels, Vongole e mitili) è l'inno ufficiale della città. Figura immaginaria di donna prosperosa pescivendola di giorno e lucciola di notte.
La fisarmonica è molto popolare nei pub...e anche la guiness naturalmente.
Di Londra salvo solo Coven Garden quasi deserta di notte
...e il ristorante con le pareti imbiancate dove ho cenato
Posta un commento