martedì 24 ottobre 2006

Impossibile comunicare

(Sogno 22/10)

Sono in Cina, non riesco a comunicare con nessuno.

Un sogno poco fantasioso: il giorno prima ero andato a vedere il film - La stella che non c'è - di Gianni Amelio.
Il protagonista si trova in una situazione analoga, ma tant'è, si vede che il contesto ha evocato nel mio subconscio questa paura.
Non racconto la trama del film [è un po' lento ma vale la pena vederlo senza crearsi troppe aspettative come invece ho fatto io].
Ma mi chiedo, Vincenzo Buonavolontà ha vinto o ha perso nel suo tentativo di riportare la centralina da sostituire nell'impianto?
Visto oggettivamente ha "perso"; il pezzo, riconsegnato a costo di incredibili peripezie, è stato buttato via; fatica inutile, verrebbe da dire.
Solo un'illusione l'aver raggiunto lo scopo.
Visto soggettivamente, ha "vinto". Dentro di sè ha vinto, perchè ha completato il suo percorso. Quello che succede dopo (la centralina cestinata) non appartire più alla sua sfera, è un problema di qualcun altro.
Vincenzo ad un certo punto ha abbandonato la guida che conosceva la sua lingua e lo accompagnava in un mondo sconosciuto; sente che deve affrontare il resto del viaggio da solo.
Solo in un mondo dove non solo la lingua è aliena, ma anche la cultura, così come ogni gesto quotidiano.
Comunicare è un'impresa impossibile, anzi sembra un'impresa impossibile.
Nonostante la sua meta sia vaga, il nome di una città impronunciabile, senza alcun indirizzo, lo scontroso Vincenzo armato di ingenuità e di innocenza, non cede mai al panico, tira dritto, finchè incontra qualcuno deputato a ricevere il suo pezzo di ricambio revisionato e torna indietro pronto a costruire il capitolo successivo della sua vita.

Comunque del mio sogno non ricordo altro, non so aggiungere come si risolveva la mancanza di comunicazione. Certamente nei miei sogni la possibilità di comunicare è una costante, spesso legata ad un telefono cellulare. Si vede che è importante, e spesso ho paura di non saperlo fare, non perdere il contatto profondo con me stesso.
Posta un commento