martedì 30 agosto 2005

Che cosa ti aspetti da me?

L’amore non è un sentimento a consumo, non si esaurisce mai, ne abbiamo riserve infinite. La vera difficoltà sta nello scoprirle, nell’oltrepassare il confine profondo tracciato dall’individualismo, dall’indifferenza, dall’egoismo, dal narcisismo, dalla paura, dall’attaccamento alle cose, dall’orgoglio, dall’odio, dalla vita stessa.
...
Non aver paura ad ammettere il tuo bisogno di ricevere tenerezza, e di darne, non aver paura a dirmi che mi ami.
...
Mi spiegò per esempio che il segreto della piena realizzazione è riuscire a comunicare agli altri ciò che si è attraverso quel che si fa, ma che per essere veramente equilibrati e sereni è indispensabile che ciò che si fa sia realmente quello che si vuole e non quello che vogliono gli altri.
Fin da bambini chi più chi meno ci modelliamo secondo l’immagine che gli altri, prima di tutto i genitori, ma anche gli insegnanti, gli amici, i nostri compagni di vita, e perfino i nostri colleghi di lavoro, hanno di noi o che vorrebbero avere. E molti crescono, si formano, si trasformano addirittura, per corrispondere a quell’immagine. Certe volte non se ne accorgono neppure perché è così radicato nella loro personalità questo bisogno continuo di essere all’altezza di un’idea che finisce di diventare l’idea stessa che hanno di loro.
Mi raccomando liberati da questo, perché verrà il giorno in cui ti accorgerai che comunque ti sia andata la strada che hai fatto è stata più interessante di quella che ti aspetta , che i ricordi hanno preso il posto dei progetti e che la tua vita non potrà più cambiare, se non in minima parte.Ecco quel giorno non dovrai avere rimpianti, dovrai consolarti con la consapevolezza che le scelte che hai fatto sono state le tue e non quelle che ti sei trovato a fare per pigrizia o peggio ancora per compiacere qualcuno.

da "Cosa ti aspetti da me?" di Lorenzo Licalzi

Cito questo brano, da un libro di Liscalzi perchè in questa storia di un anziano scenziato, ritrovo motivazioni e forza che consentono di non fermare mai la speranza di poter cambiare. Mi ritrovo in questa necessità di modellare me stesso secondo l'immagine voluta dai miei genitori, e trovarsi poi schiavi della necessità di essere all'altezza. Il percorso per risalire alle radici di se stessi sembra coincidere con quello della scoperta dell'amore.
Posta un commento